Il vicolo dei sapori

Vico d’’o Vattariello, un vicolo napoletano. Quando si incontrano persone dalla verve artistica, ti accorgi che tutto ciò che passa per il loro interesse diventa espressione d’arte. Gianluigi Esposito, attore, musicista, estimatore del teatro  e della canzone classica napoletana, ha voluto unire queste sue passioni con quella della cucina partenopea, nell’intento di creare attraverso questa inscindibile fusione una memoria storica del territorio ed è con questo proposito che da circa un anno è nato il suo ristorantino“Vico d’’o Vattariello”.  Ha ricreato l’atmosfera del vicolo napoletano, dove da sempre l’arte si esprime nelle sue forme più disparate, dal duetto di un dialogo, alla musica cantata a fil di voce, dalle note di una chitarra, al profumo del ragù che arriva dalle cucine, un vicolo che racconta e tiene stretta la storia di un popolo, per non lasciarla andare nei tempi, difendendo la sua identità. Dall’ingresso la piccola friggitoria mobile in rame, cuoce all’esterno per poi servire ai tavoli i fritti preparati a mano da mamma Anna, quindi un’accoglienza insolita che ti immette nella Napoli di un tempo. Nell’interno le sedie dai colori pastello si sposano bene con le tovaglie a quadroni e i classici bicchieri di vetro tanto doppi da far soppesare il vino che si degusta, tutt’intorno foto dei grandi attori del teatro e del cinema per un tuffo negli anni passati. In alto due finestre affacciano in questo vicolo immaginario, con il più affascinante dei balconcini, a ricordo del monologo di Eduardo De Filippo, sulla “tazzulella ‘e cafè”, poi infondo la ricchezza del territorio espressa nei prodotti dai caratteri più tipici e di qualità. Ma arriviamo al dunque come si mangia in questo Vicolo? La cucina riprende le classiche, quanto antiche ricette napoletane, ci sono verdure cucinate nei più svariati modi, ritrovate anche nelle fritturine napoletane del “cuoppo”, le paste sono servite in pentolame di rame completando il fascino del piatto, deliziose le candele di Gragnano spezzate e condite con le braciole. Piatti genuini, sempre vari e giornalieri dagli antipasti al dolce e posso dire con grande soddisfazione, dal mio modesto palato napoletano, che Gianluigi a Vico d’’o Vattariello ha saputo riproporre la cucina napoletana nei giusti sapori, arricchendola della musica della sua chitarra.

Angela Merolla

Vico d’ ‘o Vattariello Via di mezzo nord,5 – Angri(SA) Tel.347 320 6929

Attachment

10557641_819859938024530_1179348559716900572_o 934640_169082356595088_1993298104_n 969797_169078646595459_65048872_n (1)