Villa Sormani Marzorati Uva a Missaglia

di Cristina Vannuzzi

Primo evento ufficiale a Como per la Chaîne des Rôtisseurs, il prestigioso sodalizio internazionale di alta cucina fondato a Parigi nel 1248, per celebrare la nascita del bailliage – l’articolazione territoriale dell’associazione – “Chaîne des Rotisseurs Como”, la Villa Sormani Marzorati Uva a Missaglia ha ospitato un esclusivo gran galà dove la cucina gourmet dello chef Alessandro Rausa ha  incontrato l’arte, il gioiello, il design e la moda couture, oltre alla tombola charity a favore degli ordini dinastici della Real Casa Savoia, logo ufficiale il lago di Como, con al centro il logo nazionale de La Chaine des Rotisseurs, ai lati i due stemmi delle casate Uva e Parea, tutto sormontato dallo stemma Sabaudo.

Villa Sormani Marzorati Uva  è un magnifico e imponente palazzo seicentesco che si affaccia su una terrazza naturale al centro del paese di Missaglia da dove lo sguardo spazia sulle prime colline della Brianza. L’attuale proprietà risale al 1648 quando Don Paolo Sormani acquisì il Feudo di Missaglia e Brianza, uno dei più vasti del territorio, in seguito con diploma del 6 ottobre 1656 l’imperatore di Spagna Filippo IV lo creò primo Conte di Missaglia.

Un ultracentenario “viale dei tigli” ha accolto gli ospiti nella imponente Villa, dominata dallo stemma nobiliare dei Sormani ed è in questa location incantata che venerdì 23 novembre i saloni della Villa Sormani Misseglia hanno fatto da cornice al debutto del neonato bailliage lombardo, presieduto da Donna Cristina Vittoria Egger, imprenditrice ed event manager nel mondo della moda, davanti al presidente nazionale Chaine des Rotisseurs d’Italia, Dr. Roberto Zanghi, il Vice Bailli il Padrone di Casa il Conte Alberto Uva nonché ai consiglieri nazionali,  ai confreres e le conseurs nazionali ed internazionali della Chaîne des Rôtisseurs, Madrine del neonato bailliage sono state le bailli di Firenze, Asolo, Varese, Milano.

Immerso in una combinazione di colori, davanti ad un lago che muta secondo le ore e le stagioni, appare in tutta la sua contemporanea bellezza la Villa Sormani Marzorati Uva a Missaglia dove il primo attore è stato un antico menu sabaudo ritrovato e “interpretato” dal giovane e talentuoso executive chef, Alessandro Rausa, astro nascente della grande cucina italiana, che ha espresso nei suoi piatti l’unione tra la sua fantasia e le tradizioni della zona. Storie, profumi, sapori incancellabili, che lo chef Rausa  ha riproposto con grande talento, unendo materia prima con la volontà di valorizzare i prodotti del territorio, nelle antiche cucine di Villa Sormani Misseglia che lo vedono patron incontrastato, il successo di un talento per niente scontato, il paradigma di una cucina semplice, figlia della memoria, i prodotti al centro del piatto, segnati con eleganza da tocchi d’inventiva, una cucina eccezionale di cui lo chef è padrone, una base di cucina classica con la sorpresa di piccole variabili geniali per sapori inattesi. La serata, sotto la grande tensostruttura di Privitera ornata dai fioridi Bosco degli Eventi è stata aperta da fuochi d’artificio, ed è iniziata con aperitivo e degustazioni nel “Salotto delle Eccellenze”, con l’esposizione di Leo Stopfer, l’artista viennese chiamato “il pittore delle stelle del balletto”, l’abito couture di Angela Bellomo indossato da ElisaEgger, i gioielli di Berg, gli accessori di Alessandra Broggiato, sullo sfondo la musica di famosi cantanti lirici che si esibiscono alla Scala di Milano, e l’esposizione dei complementi d’arredo My Bia dell’Architetto Barbara Antolini. Una tombola charity organizzata dalla Bailli Cristina Vittoria Egger e il suo vice Bailli il Conte Alberto Uva a favore degli ordini dinastici della Real Casa Savoia per una notte piena di stelle in un giardino incantato.

Si spengono le luci e si chiudono le sale di Villa Sormani Misseglia con l’appuntamento al prossimo evento, sempre organizzato da Cristina Vittoria Egger, Presidente Chaine Como, con eventi e contenuti di volta in volta diversi, per confermare il grande operato della Chaine Des Rotisseurs in Italia, impegnata a divulgare la diffusione  della cultura della tavola, della convivialità, dell’amicizia senza confini e soprattutto del valore assoluto della diffusione e conoscenza dei sapori delle eccellenze dell’eno-gastronomiche nel nostro paese, valori sempre in linea con  la filosofia  e la missione della Confrèrie de la Chaine Des Rotisseurs, il piacere della tavola, dell’accoglienza ed il valore dell’amicizia.

 

Attachment

Lumache con salsa di ceci